Mamma che concerto!

Categorie BLOG

 

Prima della gravidanza ho seguito concerti in Italia e all’estero, assistendo a delle performance che mi hanno lasciato sempre a bocca aperta.
Durante la gravidanza purtroppo ho avuto qualche difficoltà dovuta alla disorganizzazione di chi aveva in gestione questi eventi.

Nel 2017 ho dovuto vendere i biglietti di: Radiohead, Depeche Mode e Coldplay.
Il problema era sempre lo stesso: “Non possiamo garantirle la messa in sicurezza e se fossi in lei non andrei mai a un concerto in gravidanza”.
Ma sempre nel 2017, nonostante le nausee gravidiche a palla, siamo andati al Columbiahalle di Berlino per il concerto dei Two Door Cinema Club e in estate a Milano per i concerti di Editors e Kings of Leon grazie alla Vertigo.
La mia pancia era grande come un cocomero, ma questo non mi ha impedito di avviarmi verso l’ippodromo di San Siro.
É stata garantita la completa messa in sicurezza riservandomi una zona ad hoc e prelevandomi all’ingresso per poi accompagnarmi a fine concerto all’uscita facendomi largo tra la folla.

Facile, semplice e di grande senso civico.

Dopo l’arrivo di Ettore ho cercato di non dimenticarmi di me e, pensando di fare qualcosa di semplice, avevo deciso di portare Ettore al concerto degli Imagine Dragons.
Trattandosi della stessa organizzazione dei concerti saltati, ho preferito fare una chiamata per sapere come gestire l’ingresso di bambini in un festival all’aperto.

“L’ingresso bambini non è contemplato, per cui, qualora dovesse portare suo figlio di 1 anno, pagherete entrambi l’intero importo del biglietto. E poi se fossi in lei non porterei un bambino ad un concerto”.
Non che Ettore fosse un grande fan degli Imagine Dragons, ma per me “Next to me” era la nostra canzone, quella con cui lo cullavo, quella che gli cantavo quando passava su Radiofreccia, quella che mi faceva pensare a quanto fossimo reciprocamente indispensabili in quel preciso momento della nostra vita.

Estate 2019
Dalla piscina comunale sentiamo arrivare in modo chiaro e inequivocabile un soundcheck: Discolabirinto, Aurora Sogna, Colpo di pistola.
Il Rugby Sound Festival è a 5 minuti da casa, ma non sappiamo se ci daranno anche loro picche sull’ingresso con bambino al seguito.

“Scusi, siamo due adulti e un bambino di quasi 2 anni. Possiamo entrare?”

“Certo, basta che sia vostro :)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.